Press "Enter" to skip to content

Bloccare la prima riga in excel 2003

La possibilità di bloccare la prima riga di un foglio excel (quella che solitamente contiene le intestazioni delle colonne) è una funzione molto comoda ma spesso sconosciuta agli utenti.
L’applicazione di questa funzione permette di scorrere il foglio mantenendo fisse le intestazioni delle colonne, questo è particolarmente utile per fogli di grandi dimensioni.

Parleremo in questo articolo di come bloccare la prima riga in excel 2003, che pur essendo una versione piuttosto vecchia sembra sia ancora utilizzata.

Bloccare riga excel 2003, come si fa?

Purtroppo non abbiamo disponibile una versione così vecchia di excel, cercheremo quindi di spiegare come fare a parole e forniremo un link ad un articolo in inglese che contiene un paio di schermate abbastanza chiare.

Per prima cosa dovete posizionarvi nella prima colonna del vostro foglio (la colonna A) alla riga sotto l’ultima riga che volete bloccare. Nel nostro caso quindi selezioneremo la cella A2 in modo da bloccare la riga 1.
A questo punto nel menu Finestra dovreste trovare l’opzione Blocca riquadri, vi basterà cliccarci sopra e il gioco è fatto, la prima riga sarà bloccata.
A questo punto quando scorrerete verso il basso e in orizzontale per leggere i dati della vostra tabella, le intestazioni rimarranno sempre ben visibili. Potrete quindi leggere il vostro foglio excel senza perdere traccia di cosa state leggendo, questo è particolarmente fondamentale per le tabelle con molte colonne composte da numeri, si evita infatti di perdersi il riferimento e l’orientamento.

Se non hai motivi particolari per utilizzare office 2003, puoi utilizzare una nuova versione anche online gratuitamente come abbiamo detto nel nostro articolo su come aprire un file xlsx gratis.
Se invece vuoi acquistare una licenza Microsoft Office senza spendere una fortuna, puoi trovarla su amazon qui.

Puoi trovare una schermata indicativa su come bloccare la prima riga in excel 2003 in questo articolo in inglese.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *